FANDOM


Capitolo precedente Giustizia Capitolo successivo
Eshonai Mare di vetro


Punto di Vista: Navani,Dalinar Kholin,Kaladin
ambientazione: Pianure Infrante (campo di Sadeas)

Epigrafe Modifica

Tutto è revocato per me. Mi ergo contro colui che mi ha salvato la vita. Proteggo colui che ha ucciso le mie promesse.Sollevo la mano. La tempesta risponde.

–Tanatanev 1173, 18 secondi premorte. Una madre occhiscuri di quattro figli nel suo sessantaduesimo anno.

TramaModifica

Kaladin: «Gli schiavisti dicono che una vale circa due broam di smeraldo»
Dalinar: «E tu cosa dici?»
Kaladin: «Una vita non ha prezzo»
Dalinar: «Che coincidenza: proprio il valore di una Stratolama. Così oggi tu e i tuoi uomini vi siete sacrificati per comprarmi duemilaseicento vite senza prezzo. E tutto quello che avevo per ripagarvi era un'unica spada senza prezzo. Io lo definisco un affare.»
— Dalinar e Kaladin, capitolo 69

NavaniModifica

Navani e Renarin hanno udito la notizia che Sadeas e il suo esercito sono tornati dalla battaglia da soli, - senza Dalinar e i suoi uomini - e preoccupati si recano nella zona di allestimento dell'alleato. Sadeas porge le sue condoglianze a Navani e le spiega come i Parshendi abbiano sopraffatto le forze di Dalinar, e costretto lui alla ritirata.

Navani si rifiuta di credere che Dalinar sia morto e in preda al dolore disegna un grande glifo THATH (giustizia) sulla roccia, che una volta terminato viene bruciato come preghiera all'Onnipotente. Quando le fiamme muoiono, un messaggero si avvicina a Sadeas e lo informa che Dalinar sta tornando ai campi alethi.

DalinarModifica

Dalinar arriva all'accampamento di Sadeas[1] ed è sorpreso di trovare qui sia Navani che Renarin. Dopo i saluti e gli abbracci arriva il momento di affrontare il suo ex-alleato: pubblicamente i due si fingono civili e mettono in atto un teatrino per salvare le apparenze, ma non appena sono fuori dalla portata di orecchio, Dalinar pretende spiegazioni. Sadeas risponde che ha fatto quel che ha fatto per rispettare il suo giuramento per proteggere Elhokar, che prestando troppo orecchio ai consigli dello zio, ha finito con il lasciarsi contagiare dalla sua stessa follia e dalla sua stessa debolezza. Dalinar non capisce allora perché lo abbia scagionato dalle accuse di aver attentato alla vita del re, e a questo Sadeas risponde che nessuno avrebbe mai creduto sul serio ad una cosa del genere. Scagionandolo, invece, l'altoprincipe ha ottenuto un risultato migliore: ha indotto Dalinar a fidarsi di lui.

Lo spinanera è disgustato da Sadeas ma capisce anche che tutte le sue macchinazioni dimostrano che per gli Altoprincipi rappresenta ancora una minaccia molto concreta.

KaladinModifica

Kaladin vede i principi confabulare e alla fine Sadeas dice ad alta voce che la loro alleanza è inattuabile e invita le forze di Dalinar a tornare al loro campo. Dalinar vuole portare con se i pontieri ma Sadeas afferma che non può separarsene e rifiuta sistematicamente tutte le offerte di Dalinar per comprare gli schiavi.. Kaladin si allontana amareggiato pensando che Dalinar alla fine non onorerà la sua promessa. Delle grida di sorpresa però attirano la sua attenzione: l'altoprincioe ha infatti richiamato la sua stratolama e la offre a Sadeas in cambio di tutti i pontieri presenti nel suo campo. Sadeas è sbalordito e senza pensarci due volte accetta la nuova offerta di Dalinar e inizia a canzonare l'ex-amico per la sua pazzia.

Ancora incredulo, Kaladin chiede spiegazioni a Dalinar. L'uomo gli spiega che il valore di una Stratolama è inestimabile, esattamente come quello di ogni vita umana, ragion per cui ritiene di aver fatto un affare: ha barattato una spada senza prezzo per aiutare coloro che hanno salvato migliaia di vite senza prezzo. Il luminobile si congeda quindi dal pontiere dicendo che ha un'ultima cosa da sistemare.

DalinarModifica

Dalinar trova Elhokar nel soggiorno del suo palazzo e senza molte cerimonie lo picchia fino a ridurlo all'impotenza[2]. Gli chiede quindi se la questione della cinghia è stata tutta una sua messinscena, come Sadeas ha lasciato intendere. A malincuore, Elhokar ammette le sue colpe e Dalinar lo rimprovera dicendo che le sua azioni hanno quasi distrutto la casata Kholin. Inoltre Dalinar dimostra in modo definitivo che è dalla parte del sovrano e che non è interessato a prendersi il trono.

Libera quindi il nipote e gli dice che domani[3] si aspetta di essere nominato altoprincipe della guerra in modo da dare una svolta alla campagna contro i parshendi. Dalinar ha capito che Nohadon divenne un uomo di pace solo dopo aver riportato ordine in un mondo nel caos. Dalinar ammette di essere stato un pessimo politico e che tornerà ad essere il militare di cui gli alethi hanno bisogno. Conclude dicendo che gli altoprincipi hanno dimostrato di essere dei bambini e che proprio da bambini Dalinar li tratterà. Elhokar piagnucola che i luminobili si ribelleranno e che non dureranno neanche una settimana, ma Dalinar insiste che è questa la strada da seguire. In ultimo, Dalinar informa Elhokar che sta corteggiando Navani e che deve iniziare a farsene una ragione.

Personaggi Modifica

Apparsi Modifica


Menzionati Modifica

Luoghi e termini menzionati Modifica


NoteModifica

  1. I feriti sono già tornati al campo mentre i pontieri si sono rifiutati di allontanarsi dall'altoprincipe
  2. La guardia reale, fedele allo spinanera, ha ricevuto l'ordine di non intervenire.
  3. E promette che domani darà la sua Piastra a Renarin per onorare una promessa.
La Via dei Re - Libro I

Preludio a Le cronache della Folgoluce
Prologo: Uccidere
Cap 1: Folgoeletto
Cap 2: L’Onore è morto
Cap 3: La città dei campanelli
Cap 4: Le pianure infrante
Cap 5: Eretica
Cap 6: Ponte Quattro
Cap 7: Ragionevolezza
Cap 8: Prossimo alla fiamma
Cap 9: Dannazione
Cap 10: Storie di chirurghi
Cap 11: Gocce
I-1: Ishikk
I-2: Nan Balat
I-3: La gloria dell’ignoranza
Cap 12: Unità
Cap 13: Dieci battiti di cuore
Cap 14: Giorno di paga
Cap 15: L’esca
Cap 16: Bozzoli
Cap 17: Un tramonto rosso sangue
Cap 18: Altoprincipe di Guerra
Cap 19: Pioggia di stelle
Cap 20: Scarlatto
Cap 21: Perche’ gli uomini mentono
Cap 22: Occhi, mani o sfere?
Cap 23: Molti usi
Cap 24: La galleria delle mappe

Cap 25: Il macellaio
Cap 26: Immobilità
Cap 27: Servizio burrone
Cap 28: Decisione
I-4: Rysn
I-5: Axies il collezionista
I-6: Un’opera d’arte
Cap 29: Errorganza
Cap 30: Oscurità invisibile
Cap 31: Sotto la pelle
Cap 32: Trasporto laterale
Cap 33: Cimatica
Cap 34: Folgomuro
Cap 35: Una luce per vedere
Cap 36: La lezione
Cap 37: Lati
Cap 38: Contemplatore
Cap 39: Impresse in lei
Cap 40: Occhi di rosso e blu
Cap 41: Di Alds e Milp
Cap 42: Mendicanti e cameriere
Cap 43: Il derelitto
Cap 44: Il Pianto
Cap 45: Shadesmar
Cap 46: Tanavast
Cap 47: Benedizioni
Cap 48: Fragola
Cap 49: Passione
Cap 50: Polvere rompischiena

Cap 51: Sas Nahn
I-7: Baxil
I-8: Geranid
I-9: La morte indossa il bianco
Cap 52: Una strada per il sole
Cap 53: Dunny
Cap 54: Blateruglio
Cap 55: Un Broam di smeraldo
Cap 56: Quel libro folgorato
Cap 57: Velabonda
Cap 58: Il viaggio
Cap 59: Un Onore
Cap 60: Ciò che non possiamo avere
Cap 61: Giusto per sbaglio
Cap 62: Tre glifi
Cap 63: Paura
Cap 64: Un uomo di estremi
Cap 65: La Torre
Cap 66: Codici
Cap 67: Parole
Cap 68: Eshonai
Cap 69: Giustizia
Cap 70: Mare di vetro
Cap 71: Registrato nel sangue
Cap 72: Veristitaliana
Cap 73: Fiducia
Cap 74: Sanguispettro
Cap 75: In cima
Epilogo: Di maggior valore

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.